Morto Ronan O’Rahilly, fondatore della storica Radio Caroline.

E’ morto all’età di 79 anni Ronan O’Rahilly, storico fondatore nel 1964 della celebre Radio Caroline emittente radiofonica britannica pirata, la prima a sfidare e aggirare il monopolio statale del settore, a quel tempo in mano alla BBC.
O’Rahilly comprò una nave, vi installò gli studi radiofonici ed un trasmettitore da 50 kilowatt e la posizionò in acque internazionali – fuori dalla giurisdizione inglese – rivoluzionando il mondo del broadcasting.
Nell’agosto del 1967 il governo britannico varò la “Marine Broadcasting Offences Act”, una legge che rendeva illegale ai cittadini britannici qualsiasi forma di lavoro (anche investimenti pubblicitari), collaborazione, aiuto, sovvenzione a favore delle radio pirata.
Ma Radio Caroline, che tra l’altro ha ispirato il film campione d’incassi “I Love Radio Rock”, continuò, spostando il suo quartiere general prima in Olanda poi in Spagna per raggirarla e continuare a promuovere musica nuova, dai Pink Floyd ai Beatles, fino ad arrivare ai Rolling Stones e ai Dire Straits.
Nel 1991, durante una forte temporale, si spezzò la catena dell’ancora e la nave Ross Revenge finì su un banco di sabbia. I DJ e l’equipaggio furono salvati da un elicottero della RAF, ma la vita in “alto mare” di Radio Caroline finì definitivamente.
Nel 2017 Radio Caroline è tornata a vivere ottenendo per la prima volta un’autorizzazione ufficiale a trasmettere in onde medie su KHz 648 (come radio comunitaria) da parte del governo britannico. In occasione di questo evento, fu organizzata una trasmissione celebrativa di 3 giorni (11, 12, 13 agosto 2017) di nuovo in diretta dalla Ross Revenge, ristrutturata per l’occasione e attraccata nel fiume Blackwater (Essex).

Precedente Coronavirus: dati del 16 aprile. Positivi a 2346 in Abruzzo; 243 deceduti. Successivo E' morto il maestro Ezio Bosso